top of page

Angelo Campolo

Regista, autore, formatore e attore, diplomato alla scuola del “Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa”, laureato in Scienze della Formazione presso l’Università Bicocca di Milano con la tesi “Laboratori Teatrali e nuove possibilità di accoglienza”, incentrata sul teatro come strumento educativo e di inclusione.

Finalista al Premio Ubu nel 2016 come "miglior attore italiano under 35", è vincitore del premio "Scintille" alla 35ª edizione del festival teatrale di Asti con una personale riscrittura di Otello di Shakespeare di cui è autore e regista.  Ha inoltre vinto nel 2016 il premio della stampa al concorso “Giovani Realtà del teatro 2016" dell’Accademia Nazionale "Nico Pepe" di Udine con la trasposizione scenica del romanzo “I bambini della notte”.

Con "Stay Hungry - Indagine di un affamato", testo autobiografico sull'esperienza di formatore nei centri di accoglienza, vince il “Fringe Festival” di Milano come miglior spettacolo, il premio “In-Box - Rete di sostegno del teatro emergente italiano” e nel 2018 il premio Sillumina SIAE. Nel 2021 l'edizione in video di "Stay Hungry" viene trasmessa in TV su RAI5 e distribuita sulla piattaforma digitale di Raiplay e lo spettacolo circuita in numerose città e festival italiani. Con “A te e famiglia – storia di un’esperienza educativa” (2023), vince il premio L’ITALIA DEI VISIONARI, promosso da undici enti, tra teatri e festival italiani.

Direttore artistico esterno, incaricato della compagnia “DAF Project”, ha curato la direzione di numerosi progetti teatrali (riconosciuti, tra gli altri, da Mibact, Siae, Ministero della Giustizia, E.A.R. Teatro Vittorio Emanuele e Teatro Stabile di Catania) distinguendosi per una ricerca improntata su tematiche sociali e l’impegno, come insegnante, nel settore della formazione.

Nell'ottobre del 2018, edito da Carocci Editore, esce il suo libro "Un codice per la fantasia – insegnare ed apprendere nei laboratori teatrali per ragazzi", manuale rivolto a studenti e insegnanti, in cui raccoglie le esperienze di questi ultimi dieci anni come docente teatrale in scuole, centri di accoglienza e comunità di recupero.

In teatro ha lavorato diretto da numerosi registi, tra i quali: Luca Ronconi (da Le Rane a Infinites, proseguendo con Memoriale da Tucidide e I soldati) fino al 2006, Antonio Calenda (che, nel 2009, lo sceglie a fianco di Franco Branciaroli in Edipo re e, nel 2010, come protagonista negli spettacoli Ultimo giorno e Picasso di Dacia Maraini), Enzo Vetrano e Stefano Randisi, (per i quali interpreta, nel 2011, il ruolo di Ely in Trovarsi di Luigi Pirandello con Mascia Musy, in tournée per due stagioni nei principali teatri stabili italiani), Stefano De Luca (che, nel 2008, lo dirige da protagonista ne La barca dei comici, dalle opere di Goldoni, prodotto dal Piccolo Teatro di Milano), Giampiero Cicciò (nei ruoli di Giovanni Battista in Salomè di Wilde e in quello di Diego ne Lo stato d'assedio di Camus, in due edizioni del festival di Taormina Arte, nel 2008 e nel 2009). Nel 2014 viene richiamato da Vetrano e Randisi nel cast de L'onorevole di Leonardo Sciascia, con Laura Marinoni, prodotto da Ert e dal Teatro Biondo di Palermo. Tra il 2015 e il 2016 è protagonista in Amleto di Shakespeare, per la regia di Ninni Bruschetta, e interpreta Lelio ne Il bugiardo di Goldoni, diretto da Giorgio Bongiovanni, entrambe produzioni dell'EAR Teatro di Messina.

Nel 2017, come regista teatrale e drammaturgo, ha diretto "Il Ciclope" dal dramma satiresco di Euripide con protagonista Edoardo Siravo, in scena al Teatro greco di Tindari e alla XXVIII edizione del festival internazionale di Ravenna. Ad agosto del 2017 è stato selezionato tra i quattro attori italiani partecipanti ad "ECOLE DES MAÎTRES 2017", progetto internazionale itinerante di perfezionamento teatrale, promosso dal CSS di Udine, e diretto dal collettivo belga “Transquinquennal”.

Nel 2022 e nel 2023, per il Teatro Stabile di Catania in collaborazione con il Tribunale dei Minori, è ideatore, regista e autore degli spettacoli "L'isola dei miracoli segreti" (2022) e “Fermata Marivaux” (2023). Un percorso che ha incluso attori professionisti e ragazzi del programma educativo "Liberi di scegliere" promosso dall'impegno del dott. Roberto Di Bella, magistrato, presidente del Tribunale per i Minorenni di Catania.

Dal 2020 dirige sui monti Peloritani il “Piccolo Bosco Festival”, rassegna di spettacoli teatrali incentrati sui temi della legalità e del rispetto per l’ambiente e la residenza artistica “Il tuo nome è donna”, rivolta ad artisti under 35.

Per la stagione 2023/24, debutterà come regista e autore di una nuova produzione del Teatro Biondo di Palermo intitolata            “96 ore”, in scena dal 22 novembre al 3 dicembre 2023; un testo originale incentrato su una squadra di lavoro “speciale” che opera all’interno di un CPA, una struttura poco conosciuta in Italia, pensata dallo Stato per ospitare temporaneamente un minore in stato di arresto prima dell’udienza con il giudice, per un massimo di 96 ore. 

Angelo Campolo 5.jpg
bottom of page